Contenuto riservato agli abbonati

Cambiamento climatico in Veneto: l'inchiesta. La grande paura lungo il litorale

L’innalzamento del mare non è il problema più grande di un territorio strettamente connesso all’Adriatico. Anzi, la prima questione sarà fare defluire la grande quantità di pioggia che cadrà in tempi più concentrati. Poi bisognerà capire come fare raffreddare le aree abitate sempre più calde. I responsabili spiegano cosa si sta facendo e perché

VENEZIA. “Il vento soffiò per giorni e la sabbia coprì gli armati di Cambise e lo stesso re”. Così Erodoto racconta una tempesta di sabbia in grado di seppellire un’armata persiana nell’antico Egitto nel 524 avanti Cristo. Ma secondo gli archeologi dell’Università di Padova  qualcosa di non molto differente era già successo parecchi secoli prima nell’Alto Adriatico:  a San Gaetano, nella laguna di Caorle.

Qui, addirittura agli albori dell’età del bronzo, una vera e propria metropoli, per l’epoca, si affacciava sull’acqua secondo un sistema di vere e proprie palafitte, oppure case costruite su pali inseriti nella melma, ma anche magazzini fronte acqua e la stessa acqua veniva usata come sistema di comunicazione.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori

Video del giorno

Jesolo, lo spettacolo della spiaggia imbiancata dalla brina all'alba

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi