Contenuto riservato agli abbonati

Tokyo, luci sulle Paralimpiadi: “Possiamo cambiare il mondo”

Il messaggio della portabandiera Bebe Vio dopo la cerimonia di apertura

TOKYO. «Questo è il nostro momento, per dimostrare di poter cambiare il mondo». Dopo aver sventolato la bandiera italiana con l’altro alfiere azzurro Federico Morlacchi, Bebe Vio ha lanciato un messaggio planetario, a commento della Cerimonia d’apertura che nella serata giapponese di ieri ha dato il via alla Paralimpiade di Tokyo. Un’edizione sofferta per i rinvii e le restrizioni tuttora in auge in Giappone per contenere la pandemia, ma anche per i recenti fatti di cronaca, al quale l’universo paralimpico ha risposto con veemenza, mettendo quale portabandiera del team dei rifugiati proprio un atleta di nazionalità afghana come il nuotatore Abbas Karimi.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori

Video del giorno

Animali altruisti: la storia di Koko, la gorilla che adottò il gattino

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi