Contenuto riservato agli abbonati

ArigaTokyo

In Giappone lo sport ha smontato le abitudini e la rivalità si è elevata a nuovi livelli. L’oro condiviso e l’abbraccio tra Tamberi e Barshim hanno cambiato il dna olimpico

DALL’INVIATA A TOKYO. A scambiarsi un oro si finisce pure per mescolare le vite ed è un gesto così potente da generare un corto circuito. Prima che Gianmarco Tamberi saltasse tra le braccia di Mutaz Barshim firmando un podio per due, a Tokyo, non ci si poteva toccare. Dopo ci si è ritrovati a contatto, intimamente legati, nonostante tutto.

Lo sport si è preso uno spazio inedito, un permesso figlio dell’urgenza e senza stravolgere le regole ha smontato le abitudini.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori

Video del giorno

Animali altruisti: la storia di Koko, la gorilla che adottò il gattino

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi