Contenuto riservato agli abbonati

I nostri campioni senza pista: ecco il buco nero dei velodromi in Veneto

Ciclismo su pista, il quadro. Spresiano è un’incompiuta: cantiere faraonico (aperto nel 2018) finito nel limbo. Il rilancio dello storico Monti di Padova non decolla, pistard costretti a emigrare. Le altre situazioni

VENEZIA. Quando nel 2018 iniziarono i lavori del velodromo di Spresiano, il piano della Federazione ciclistica era esplicito: «Qui si svolgerà l’ultima parte della preparazione della nazionale alle Olimpiadi di Tokyo 2020».

Il Covid ha pure “regalato” un anno in più per rispettare la tabella di marcia, eppure a Spresiano in provincia di Treviso ci sono ancora piloni di cemento e la forma di una parabolica.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori

Video del giorno

Quanti milioni ha perso Lush, l'azienda felice senza social

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi