Contenuto riservato agli abbonati

Adriano Panatta: ecco perché Tamberi ha fatto bene ad accettare l’oro condiviso

Tokyo 2020, parla l’indimenticato numero uno del tennis italiano: «Da lui e Barshim un messaggio di amicizia che è l’essenza dei Giochi, ho visto due ragazzi felici risaliti dall’inferno di infortuni molto gravi»

TREVISO.A innescare il dibattito un post di don Marco Pozza, teologo e parroco del carcere di Padova che dà del “tu” al Papa.«Quest’oro olimpico del salto in alto – oro ex aequo – non è per niente bello. È forse un oltraggio all’epica della sfida». Una riflessione argomentata che alza il sipario su un mondo diviso.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori

Video del giorno

Val d'Ega imbiancata: le ferite ricucite di Vaia

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi