Vaccini, Bertolaso: “Dopo gli over 80, priorità a chi lavora. Non si può scendere per fascia anagrafica”

Il consulente della Regione Lombardia: «Sarà dura ma spero non drammatica come lo scorso anno. Per il piano vaccinale, il Paese deve ripartire»

Guido Bertolaso, ex capo della Protezione civile, ora consulente della Lombardia per il piano vaccinale è convinto che si debba immunizzare chi lavora. «Il virus cambia, si muove senza regole, non si può pensare di batterlo facendo sempre le stesse cose, usando la medesima strategia» ha dichiarato in un’intervista all’Eco di Bergamo. «Fermo restando che medici, infermieri e Rsa devono essere vaccinati, ci sta anche che si facciano gli over 80. Ma poi non si può continuare a scendere seguendo la fascia anagrafica» ha affermato. «Il Paese deve ripartire. Quindi sotto con chi lavora, chi sta in fabbrica, chi si muove, chi non ha potuto lavorare in questi mesi come bar e ristoranti». 

***Iscriviti alla Newsletter Speciale coronavirus

Per quanto riguarda la scuola, in Lombardia «abbiamo iniziato con gli insegnanti di Bollate. La prossima settimana amplieremo il fronte. Il problema - ha aggiunto - non sono solo i vaccini. ma un fazzoletto». Il suo messaggio per i lombardi è però di ottimismo: «ce la faremo».

Vaccini, Bertolaso in visita all'hub di Antegnate: "Speriamo accelerino le forniture"

«Sarà tosta ma spero non drammatica come l'anno scorso. Guardate la situazione di Brescia». La preoccupazione sono le varianti. «Con quella inglese la distanza di sicurezza aumenta a dismisura».

Coronavirus, dai contagi all'efficacia dei vaccini: cosa sappiamo della variante inglese

E oggi è cominciata a Viggiù, il paese dove sono stati registrati i primi casi di variante scozzese in Italia, in provincia di Varese, al confine con la Svizzera, il piano vaccinale per tutta la popolazione, poco più di 5000 abitanti. Secondo le indicazioni dell'amministrazione comunale oggi è prevista la vaccinazione per tutti i cittadini sopra gli 80 anni e per un centinaio di persone tra i 66 e i 79. Domenica e lunedì si procederà con gli abitanti tra i 66 e i 79 anni. Per queste prime tre fasce è previsto il Vaccino Moderna. Da martedì a giovedì è il turno dei cittadini tra i 18 e i 65 anni ai quali sarà somministrato il vaccino Astra-Zeneca.

Coronavirus, la differenza tra i vaccini Pfizer, Moderna e Astrazeneca arrivati a fine sperimentazione

Patate novelle croccanti con asparagi saltati, uova barzotte e dressing allo yogurt e senape

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi