Latte artificiale, troppa pubblicità sul web: la denuncia di Oms e pediatri

Messaggi pubblicitari non riconoscibili come tali, influencer, social media: l'Organizzazione mondiale della sanità chiede regole per il marketing
4 minuti di lettura

L'industria globale del latte artificiale, che vale circa 55 miliardi di dollari, si rivolge alle neomamme con contenuti personalizzati sui social spesso non riconoscibili come pubblicità: utilizzando app, gruppi di supporto virtuale, influencer, promozioni, forum, concorsi e servizi di consulenza, le aziende ottengono informazioni e inviare promozioni personalizzate alle donne per influenzarne le scelte nutrizionali che riguardano i loro figli.