Se la paura di amare ci fa scegliere un partner virtuale

La sessuologa Valeria Randone: "La formula magica per la coppia longeva esiste. Fra le parole chiave: gentilezza, rispetto, ascolto ma anche silenzio"
5 minuti di lettura

Pensare che il termine "virtuale" derivi dal latino "virtualis", a sua volta originato da "virtus" cioè virtù, ci porta ad avvertire una specie di incongruenza, quasi una contraddizione. Perché la virtù è cosa eccelsa, mentre associamo, come è giusto, la parola "virtuale" a qualcosa di artificiale, di costruito e finto.  Anche il sistema più elaborato e perfetto, in grado di farci operare come fossimo parte integrante di quell'universo, viene percepito da noi viventi e pensanti, per ciò che di fatto è: un artifizio.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori