Gli anni del Covid: più fragile la salute mentale delle donne

Solitudine, carichi di lavoro e di cura aumentati, difficoltà finanziarie: il benessere femminile sempre inferiore a quello maschile, con un picco nella primavera-estate 2021. Oggi a Vilnius il rapporto Eige sull'equità di genere nei paesi europei
5 minuti di lettura

La pandemia ha impattato in maniera più aggressiva sulla salute psichica delle donne e meno su quella degli uomini. Non solo in Italia, ma in tutta Europa. A certificarlo, senza tanti giri di parole, è l'Eige, l'agenzia europea che monitora e misura la presenza (e la persistenza) di divari tra donne e uomini nei ventisette Stati Membri.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori