Covid, focolaio dopo il vaccino nella residenza per disabili: nessuno grave

Nella struttura al confine tra Lombardia ed Emilia una operatrice immunizzata ha contagiato 14 ospiti, tutti asintomatici. Il virologo Baldanti: "Anche in questo caso il vaccino funziona, protegge attenuando i sintomi"
3 minuti di lettura

Operatori sanitari e anziani che, a distanza di sei-sette mesi dalle prime due dosi di vaccino, tornano a infettarsi. Questo non significa che il vaccino non sia efficace, semplicemente che gli effetti con il passare del tempo si attenuano. E che quindi serve la terza dose.

La conferma viene dai casi di medici e infermieri tornati positivi al virus, anche all'interno di strutture che ospitano anziani e disabili.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori