Terza dose: dati alla mano non va fatta (ancora) a tutti

In Italia non c'è ancora la situazione che ha spinto Israele a universalizzare il terzo richiamo. Piuttosto concentriamoci sugli otto milioni di italiani che mancano all'appello con l'immunizzazione. E pensiamo al resto del mondo
3 minuti di lettura

*Membro American Academy of Microbiology e ** Ordinario Malattie Infettive, Università Cattolica, Roma

Quantunque sia arduo, in materia vaccinale, fare paragoni fra popolazioni diverse di tipo genetico, culturale ed ambientale, proveremo in questo articolo ad evidenziare le diverse  situazioni epidemiche e prospettive d’uso della cosiddetta terza dose dei vaccini contro Covid-19 fra Israele ed Italia. Ricordiamo, in proposito, che l’idea di un richiamo vaccinale a breve distanza (alcuni mesi) dalla immunizzazione primaria con due dosi  di vaccino è nata, promossa ed in buona misura già implementata in Israele.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori