Coming out, come farlo in famiglia superando i pregiudizi

Raccontare della propria sessualità diversa rispetto a quanto si aspettano i genitori è una cosa difficile e per molti angosciante. I consigli della psicologa Paola Biondi che da anni aiuta genitori e figli Lgbt+
5 minuti di lettura

DEPRESSIONE, abbandono scolastico, abuso di sostanze: le conseguenze del rifiuto di un coming out in famiglia, per gli adolescenti Lgbt+ (acronimo di Lesbica, gay, bisessuale, transgender con il + che dà il senso di prosecuzione), possono arrivare fino al suicidio. Ma anche per i genitori l’omofobia ha effetti negativi sulla salute. “Si chiudono e il loro dolore diventa depressione, ansia”, racconta Paola Biondi, psicologa, psicoterapeuta e cofondatrice di CEST - Centro Salute Trans e Gender Variant, un'associazione che si occupa di diritti e salute delle persone transgender e fa parte della Commissione Pari Opportunità dell'Ordine degli psicologi. “Non

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori