Integratori: banditi in Europa alcuni prodotti a base di aloe

Utilizzati come prodotti antistitichezza. Per l'Efsa danneggiano il Dna. Ma per gli esperti i dati non giustificano il divieto
2 minuti di lettura

CHI HA problemi di stipsi e utilizza integratori con aloe per migliorare il transito intestinale dovrà cambiare abitudine. Tutti i preparati a base di questa pianta che contengono i derivati dell’idrossiantracene, come aloe-emodina ed emodina, non possono più essere venduti in Europa. Ma dato che le sostanze citate sono presenti solo nella parte più esterna della foglia, non tutta l’aloe è bandita: continuano ad essere ammessi i prodotti che ne contengono la polpa interna, il gel, come quelli ad azione emolliente e lenitiva.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori