Melanoma, un laser ascolta i suoni dei nei

Il progetto "paMELA" è di un gruppo di giovani ricercatori dell'università Milano-Bicocca. Grande quanto una penna, la sonda passata sulla pelle, genera piccoli rumori consentendo di "sentire" una macchia sospetta    
3 minuti di lettura

UN sensore acustico, piccolo come una penna, in grado di rilevare il suono generato dai nei, per scovare precocemente un sospetto melanoma. Il progetto della mini sonda che "ascolta" i nei per la diagnosi precoce dei tumori della pelle è già in una fase avanzata di studio. Porta la firma di un gruppo di giovani ricercatori dell’Università di Milano-Bicocca ed è stato selezionato nell’ambito della terza edizione di Biunicrowd, il programma di finanza alternativa promosso per consentire a studenti, ex studenti, docenti, ricercatori e dipendenti dell'Ateneo di realizzare progetti innovativi e idee imprenditoriali attraverso campagne di raccolta fondi.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori