Coronavirus, notti insonni e risvegli frequenti: un italiano su due dorme male

La quarantena può modificare il bioritmo e provocare ansia, incidendo sulla qualità del sonno. Un’indagine fotografa com’è cambiato il riposo degli italiani negli ultimi due mesi 

2 minuti di lettura
Alzi la mano chi negli ultimi mesi ha goduto di un sonno ristoratore. L'isolamento domestico ha sconvolto la nostra quotidianità, modificando drasticamente ritmi e abitudini. Moltissimi italiani hanno ridotto attività fisica ed esposizione alla luce solare; l'orario dei pasti e del coricamento è spesso ritardato. Nel loro insieme, questi ingredienti formano una miscela esplosiva per la qualità del sonno: cchi fatica ad addormentarsi e chi sperimenta risvegli anticipati. Chi combatte la spossatezza con frequenti pisolini diurni e chi ricorre all'aiuto farmacologico pur di chiudere occhio. Un'indagine condotta dall'Associazione italiana per la ricerca e l'educazione nella medicina del sonno (Assirem) fotografa com'è cambiato il sonno degli italiani prima e dopo la quarantena.
 
L'indagine, condotta tramite un breve questionario online, e diffuso sui social network dell'associazione, ha coinvolto oltre mille persone. "Le misure adottate per fronteggiare l'emergenza Covid-19 impattano su numerosi fattori che influenzano il sonno. Le conseguenze sono per lo più negative ma ne esistono anche di positive, come una maggiore cura nell'alimentazione e la rinuncia forzata a fare le ore piccole nei locali. Con questa indagine abbiamo cercato di capire quali comportamenti incidano maggiormente" premette il neurologo Pierluigi Innocenti, cofondatore e già presidente di Assirem. Sebbene nell'indagine si osservi una tendenza al ribasso, la media delle ore totali di sonno non è variata significativamente. Tuttavia, i dati rivelano che durante la quarantena le persone si sono coricate mediamente 1-2 ore più tardi rispetto a quanto facessero prima. Oltre ad andare a letto più tardi, la metà di coloro che prima si addormentavano in meno di 16 minuti hanno impiegato più tempo e sono aumentati di molto quelli che sono rimasti a guardare il soffitto per più di un'ora prima di assopirsi.  

LEGGI : Le buone abitudini a tavola che facilitano il sonno

Risveglio tardivo

Ancora più evidente è il ritardo con il quale le persone si sono alzate la mattina, oltre 1 o 2 ore più tardi. "Il risveglio mattutino precoce, con incapacità di riaddormentarsi, può indicare uno stato ansia o perfino di depressione" ricorda il neurologo. La percezione soggettiva della qualità di sonno appare peggiorata con il dimezzamento delle persone che dichiarano una qualità di sonno molto buona e una forte riduzione di quelle che prima dell'emergenza la ritenevano abbastanza buona. Di conseguenza, più della metà delle risposte, durante l'emergenza, indicano una qualità di sonno cattiva o molto cattiva. A conferma del peggioramento, circa 3 persone su 4 hanno detto che durante l'emergenza si sono svegliate nel mezzo della notte o al mattino presto almeno una volta a settimana, mentre prima erano circa 2 su 5. 

Lo speciale: Sogni in quarantena, il racconto delle notti dei lettori

Brutti sogni

Un po' come avviene nelle persone che soffrono di un disturbo post traumatico da stress, la quarantena ha reso più agitate le notti di molte persone. Colotro che ricordano di aver fatto brutti sogni almeno una volta a settimana erano poco più di una su 10 prima dell'emergenza ma sono divenute più di 2 su 10 dopo. "I traumi non sono limitati a esperienze di guerre o a incidenti. Le incertezze economiche e il timore del virus possono provocare stati d'ansia ingigantiti dall'isolamento sociale, innescando un'insonnia tutt'altro che transitoria" afferma il neurologo Raffaele Ferri, presidente di Assirem, notando come per alcune persone la fine della quarantena potrebbe non coincidere con il ritorno alla normalità: "la presenza di un disturbo del sonno va monitorato e seguito con attenzione per prevenire possibili conseguenze a lungo termine sulla salute delle persone e la cronicizzazione di alcuni di questi disturbi". 

LEGGI: Dormi che ti passa
 

Aumento del 6% dell'uso dei sonniferi

Anche se meno evidente, il periodo dell'emergenza ha fatto aumentare del 6% il numero delle persone che ha avuto bisogno di un farmaco per dormire per 3 o più volte a settimana, mentre quelle che non ne hanno mai assunti sono diminuite di quasi il 10%. "Il ricorso ai farmaci, soprattutto se basato sul fai-da-te, può rivelarsi un palliativo più che una soluzione. È opportuno correggere anche le cattive abitudini" riprende Ferri, ricordando come Assirem abbia elaborato un opuscolo di consigli dedicato (http://www.assirem.it/consigli-per-dormire-bene/). Un buon sonno è essenziale per il nostro benessere fisico e mentale. Soprattutto durante una pandemia.
I commenti dei lettori