In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Reati contro la pubblica amministrazione, sei arresti a Venezia e Padova: sono funzionari pubblici, imprenditori e professionisti

Gli arresti sono stati chiesti dalla Procura della repubblica di Venezia, e sono stati eseguiti nelle province di Venezia e Padova. Arrestati due ex sindaci di Santa Maria di Sala.

Aggiornato alle 2 minuti di lettura

Sei ordinanze cautelari nei confronti di funzionari pubblici, imprenditori e liberi professionisti sono state eseguite stamani dai Carabinieri del Nucleo investigativo di Venezia, per reati contro la Pubblica amministrazione.

Gli arresti sono stati chiesti dalla Procura della repubblica di Venezia, e sono stati eseguiti nelle province di Venezia e Padova. 

Due ex sindaci di Santa Maria di Sala (Venezia), Nicola Fragomeni, attuale presidente del Consiglio Comunale e coordinatore provinciale di Coraggio Italia, e Ugo Zamengo, consigliere comunale, insieme a due manager della sanità padovana e due imprenditori padovani, sono stati arrestati nell'ambito di un'indagine per corruzione, legata alla vendita di un terreno per l'edificazione di una casa di riposo nel comune veneziano.

Un'altra parte dell'indagine riguarda l'acquisto di mascherine e altri presidi sanitari, fatto con affidamento diretto da Fragomeni a un familiare, che avrebbe portato a un guadagno illecito di 60 mila euro.

Gli indagati sono stati tutti posti agli arresti domiciliari. Nel corso dell'indagine, svolta tra il 2019 e il 2022 con controlli, pedinamenti e analisi dei tabulati telefonici, è emerso che gli indagati avrebbero stipulato accordi illegali per la realizzazione della Rsa, al tempo in cui Fragomeni era primo cittadino di Santa Maria di Sala.

Da queste dinamiche avrebbero tratto vantaggio, oltre a Fragomeni, l'altro ex sindaco Zamengo, che era consigliere comunale, un dirigente dell'amministrazione, il titolare di uno studio di architettura e due imprenditori padovani.

Un imprenditore aveva denunciato ai carabinieri, con una registrazione presa di nascosto, le tangenti che gli sarebbero state richieste per la compravendita di un terreno da destinare a Rsa, sospesa perché necessitava di un cambio di destinazione d'uso, da agricolo a edificabile. Per questo passaggio, per il quale era necessaria una delibera comunale, l'imprenditore avrebbe ricevuto indicazioni da parte dei pubblici funzionari che era necessario un versamento "extra", una somma definita "rilevante" da spartire tra gli amministratori.

Vistasi rifiutata la richiesta da parte dell'imprenditore, i pubblici ufficiali si sono rivolti ad altri proprietari di terreni per far diventare edificabile un altro lotto comunale, destinato alla costruzione della casa di riposo. Oltre a questo, altre attività amministrative dovevano coinvolgere la conferenza dei servizi di sindaci dell'area, ma anche l'Ulss 3 serenissima, che doveva autorizzare l'avvio della struttura. La Regione Veneto, estranea all'indagine, non ha poi deliberato nel 2022 l'assegnazione di posti letto per questa esigenza.

Tangenti a Santa Maria di Sala. L'arrivo dei carabinieri in Comune e il video delle intercettazioni

Ammonterebbero al 10/15% del valore degli appalti le tangenti chieste dagli ex amministratori di Santa Maria di Sala (Venezia) per favorire l'edificazione su un terreno di una casa di riposo, di proprietà di un imprenditore che invece si è rivolto ai carabinieri.

Tangenti a Padova e S.Maria di Sala. Il procuratore: "Sistema debellato con intercettazioni"

Lo ha riferito stamani il Procuratore capo di Venezia, Bruno Cherchi, riferendo ai giornalisti sugli esiti dell'indagine che ha portato all'emissione di sei ordinanze di custodia cautelare agli arresti domiciliari nei confronti di politici e funzionari comunali. Altri imprenditori che lavorano nel settore, secondo quanto è stato possibile ricostruire, avrebbero dato la disponibilità all'accordo, per avere quel terreno e potervi costruire la casa di riposo. L'operazione, ha commentato Cherchi, è "importante in termini economici". Sia il dirigente della Conferenza dei servizi sia l'Ulss 3 Serenissima, competente per dare l'autorizzazione ai posti letto in Rsa, non erano a conoscenza di questi accordi e la loro attività amministrativa risulta essere stata corretta, come anche è emerso dalle intercettazioni.

I commenti dei lettori