In Veneto tornano le “Arance della salute” per la ricerca contro il cancro. Ecco dove

Lo chef Giancarlo Perbellini ha creato una "Focaccia all'arancia" per sostenere l'Airc

L’Airc rinnova l’impegno per trovare finanziamenti a favore dei progetti scientifici per battere i tumori. Ci sarà anche la “Focaccia all’arancia” creata dallo chef Giancarlo Perbellini

VENEZIA. Alla vigilia della Giornata Mondiale della Lotta contro il cancro, Fondazione AIRC torna in piazza con Le Arance della Salute e insieme conferma un impegno di 136 milioni 645 mila euro per il 2022 a sostegno di oltre 5.000 ricercatori determinati a trovare le migliori soluzioni per la prevenzione del cancro. L’appuntamento nasce sotto il segno del ritorno allo stare bene insieme, come sottolinea l’immagine scelta per la prima campagna dell’anno che ritrae insieme una ricercatrice, Sara Lovisa, impegnata in un progetto sul tumore al colon; Elisa che è tornata a sorridere grazie alla ricerca, ed Emanuele, volontario nel ricordo di un amico scomparso per un linfoma.

A loro si uniscono i circa duemila volontari di AIRC Veneto Trentino Alto Adige, che dopo un anno di inevitabile assenza, sabato 29 e domenica 30 gennaio, ripopolano le piazze con gioia per testimoniare la loro fiducia nella ricerca e sensibilizzare i cittadini sull’importanza della prevenzione attraverso la sana alimentazione e abitudini di vita salutari.

LA CAMPAGNA

Nelle principali piazze di Veneto e Trentino Alto Adige, i volontari AIRC distribuiscono, a fronte di una donazione di 10 euro, le reticelle da 2,5 kg di arance rosse coltivate in Italia, simbolo di sana alimentazione, contengono gli antociani, pigmenti naturali dagli eccezionali poteri antiossidanti, e circa il quaranta per cento in più di vitamina C rispetto agli altri agrumi. Per fare un pieno di salute aggiuntivo, sono disponibili anche marmellata d’arancia in vasetto da 240 gr (6 euro) e miele millefiori in vasetto da 500 gr (7 euro) e, per Veneto e Trentino Alto Adige, la focaccia all’arancia da 500 gr (16 euro) creata in esclusiva per AIRC dallo chef Giancarlo Perbellini. Insieme ai prodotti viene offerta una speciale guida con sane e gustose ricette a base d’arancia.

AIRC Veneto e Trentino Alto Adige, parla la presidente Antonio Maria Cartolari

“La campagna de Le Arance della Salute è il primo appuntamento dell’anno sul territorio, ed è pertanto l’occasione per rinnovare pubblicamente il nostro impegno a sostegno della Ricerca: per l’anno 2022 Fondazione AIRC stanzia infatti per il Veneto 6.900.000 euro a sostegno di 57 progetti di ricerca e 8 borse di studio e 1.678.000 euro per 15 progetti di ricerca e 1 borsa di studi in Trentino-Alto Adige. L’occasione è però anche preziosa per trasmettere a tutti l’importanza della Ricerca e della prevenzione, perché, alla qualità e alla quantità del cibo assunto, venga associato l’esercizio fisico – che incide sui meccanismi infiammatori e sul sistema immunitario – e la rinuncia al fumo, il maggiore fattore di rischio responsabile di circa il 90% dei tumori polmonari e di molti altri tipi di cancro e malattie”.

Ricerca AIRC, parla la prof. Claudia Sissi, Università degli Studi di Padova

“Oggi stiamo vivendo la prova dell’importanza della Ricerca Scientifica, e di come i ricercatori siano sempre pronti a mettersi a disposizione. Solo due anni fa non conoscevamo nulla del virus SARS-Cov-2 e oggi possiamo contare su protocolli, farmaci e vaccini.

Inoltre con la Ricerca, anche con il nostro studio, contribuiamo a ridurre il tasso di mortalità. Infatti se riusciamo a bloccare il passaggio che rende le cellule tumorali capaci di invadere l’organismo significa poterle contenere in un unico sito. Da un lato questo evita che la malattia si estenda a vari organi, dall’altro limita la replicazione delle cellule tumorali: questo rallentamento ci da più tempo per intervenire in modo mirato e, allo stesso tempo, aumenta la capacità delle terapie che abbiamo già a disposizione di ucciderle tutte.

Parlando poi di prevenzione, uno stile di vita sano consente sicuramente di ridurre il rischio che si sviluppino, ma ricordiamo che anche per quei tumori per i quali abbiamo a disposizione ottimi trattamenti terapeutici, la diagnosi precoce è fondamentale”.

EDUCAZIONE NELLE SCUOLE

In oltre 700 scuole italiane, con l’iniziativa “Cancro io ti boccio”, studenti e insegnanti diventano volontari per un giorno contribuendo a raccogliere fondi per dare continuità al lavoro di oltre 5.000 ricercatori.

Ecco dove si potranno trovare i banchetti dell’Airc

BELLUNO

Belluno città: Piazza Martiri della Libertà, solo sabato.

in provincia: Alleghe, in piazza Kennedy e Caprile, solo il sabato; Calalzo di Cadore, via Stazione c/o Eurospar, solo sabato; Canale d’Agordo, piazza Papa Luciani, sabato mattina; Colle Santa Lucia, c/o Proloco; Cortina d’Ampezzo c/o La Cooperativa, sabato; Domegge di Cadore, via Roma, solo sabato; Falcade, in piazza IV Novembre, piazza Mercato e piazza Sandro Pertini; Limana, sabato in piazza Municipio e domenica davanti alla Chiesa; Longarone, piazzetta Sartori, solo domenica; Pedavena, piazza I Novembre; Pieve di Cadore, piazza Tiziano; Rivamonte Agordino, davanti alla chiesa domenica mattina; Trichiana, piazza Merlin, solo sabato; Villa di Villa, in piazza Indipendenza a Mel; Voltago Agordino, piazza Caduti e piazza 13 ottobre 44, solo sabato.

Scuole: Istituto Superiore "Catullo” di Belluno; "Leonardo Da Vinci” di Arsiè; Istituto Superiore “Antonio Della Lucia" di Feltre.

PADOVA

Padova città: piazza Vincenzo Cuoco, solo sabato; piazza del Duomo, piazza Garibaldi; piazzale S. Croce; Prato della Valle; Via Altinate; via Roma; Ponte di Brenta, chiesa parrocchiale Torre, piazza Barbato e Centro La Corte Mortise, solo sabato;

in provincia:

Albignasego, Centro Ipercity; Battaglia Terme, sabato in piazza Libertà e domenica davanti alla chiesa; Camposampiero, piazza Vittoria; Casale di Scodosia, davanti al Duomo, solo sabato; Cittadella, piazzale Pierobon; Conselve in piazza XX Settembre, solo sabato; Este, piazza Maggiore; Galliera Veneta, in piazza del Municipio; Limena, via Roma; Monselice, via Roma-via Cassa di Risparmio, solo sabato; Montagnana, piazza Vittorio Emanuele II; Noventa Padovana, via Roma; Piazzola sul Brenta, davanti al Duomo e piazza Camerini; Isola Mantegna, davanti alla chiesa; Presina, davanti alla chiesa; Vaccarino, davanti alla chiesa; Piombino Dese, supermercato Maxì, solo sabato; Piove di Sacco, via Roma, solo sabato; Stanghella, piazza Pighin, solo sabato; Teolo, piazza Perlasca; Trebaseleghe, davanti alla chiesa e nelle frazioni Sant’Ambrogio, Fossalta e Silvelle; Villatora di Saonara, piazzale SS Simone e Giuda Apostoli; Vò.

Scuole:

Primaria “Busonera” di Abano Terme.

TREVISO

Treviso città: piazza Monte di Pietà e Porta San Tomaso, solo sabato.

in provincia: Arcade, piazza Vittorio Emanuele, solo domenica; Casale sul Sile, piazza all’Arma dei carabinieri; Lughignano, piazza San Martino; Castelfranco Veneto, piazza Giorgione, solo domenica; Cavaso del Tomba, piazza Pieve, solo domenica; Cessalto, piazza Martiri della Libertà, sabato; Mogliano Veneto, piazza dei Caduti e piazza del Duomo; Montebelluna, Loggia dei Grani e via delle Piscine; Motta di Livenza, piazza Luzzati, solo sabato; Oderzo, piazza Grande e c/o Arca Nuoto, solo sabato; Possagno, piazzale del Tempio e Località alla Croce; Postioma, c/o Circolo Benatto; Paese, piazza Monsignore Andreatta; Castagnole, davanti alla chiesa; Preganziol, via del Terraglio; San Biagio di Callalta, via Postumia Centro, domenica; Olmi, via Postumia, solo sabato; San Vendemiano, piazza San Marco, solo sabato; Silea, piazza Trevisani nel Mondo; Spresiano, piazza Luciano Rigo, solo domenica; Lovadina, piazza della Repubblica, domenica; Tarzo, via Roma; Valdobbiadene, Piscine comunali; Vittorio Veneto, piazza del Popolo, solo sabato; Zero Branco, piazza Umberto I, solo sabato.

Scuole: Scuola Media “Stefanini” di Treviso; Primaria "Pianca School” di Conegliano; Liceo Classico "Istituto Cavanis” di Possagno; Primaria “Monte Grappa” di Borso del Grappa;

VENEZIA

Venezia centro: Campo S. Polo; Campo S.S. Giovanni e Paolo; Burano, piazza Galluppi; Lido, piazzale Sant’Antonio e Gran Viale, solo domenica; Giudecca "Alla Palanca"; Saccafisola; Murano in Fondamenta Vetrai e Riva Longa; Pellestrina in piazza Ognissanti, piazza Sant’Antonio e via Zennari; San Pietro in Volta, Campo Chiesa.

Venezia terraferma: Campalto, via Orlanda, solo sabato; Dese in via Altinia solo sabato; Favaro Veneto, piazza Pastrello solo sabato; Marghera, Centro Commerciale Nave de Vero; Mestre, Largo Divisione Julia, Centro Commerciale "Le Barche"; Tessera, davanti alla chiesa.

in provincia: Campolongo Maggiore - Bojon, davanti alla banca, solo sabato; Chioggia; Dolo in via Mazzini; Jesolo in piazza Matteotti solo domenica; Marcon, piazza Municipio, solo sabato; Gaggio, piazza I Maggio solo sabato; Martellago, piazza della Vittoria, solo domenica; Maerne, piscina comunale ARCA; Mellaredo, Via Noalese Sud, solo sabato; Mira - Borbiago, piazza Giovanni XXIII, solo sabato; Mirano in Piazza Martiri; Noale sotto la Loggia; Portogruaro in piazza della Repubblica, solo domenica; San Donà di Piave in piazza Trevisan, solo sabato; San Michele al Tagliamento in piazza della Libertà; Santa Maria di Sala, piazza XXV Aprile, solo sabato; Scorzè, Piazza Aldo Moro, solo sabato; Peseggia, piazza Don Carlo Longo; Torre di Mosto, piazza Indipendenza; Vigonovo, piazza Galta e piazza Marconi.

Scuole: Primarie Istituto “Farina” e Primo grado “Aldo Manuzio” di Mestre; Istituto Comprensivo “Angelo Roncalli” di Quarto d’Altino.

PREVENZIONE & RICERCA, IL RUOLO DELLO ZUCCHERO

Sappiamo che i tumori sono fortemente dipendenti dagli zuccheri. Sulla base di questa conoscenza è nato il progetto “Breakfast”, sostenuto da AIRC e coordinato dal professor Claudio Vernieri presso IFOM e Istituto Nazionale dei Tumori di Milano. I ricercatori utilizzano infatti, in associazione alla chemioterapia per il trattamento del tumore al seno triplo negativo, una dieta ipoglicemizzante ciclica per ridurre la quantità di glucosio nell’organismo: si tratta di una sorta di terapia adiuvante innovativa.

Limitare il consumo di zuccheri contribuisce anche alla prevenzione primaria perché circa un terzo dei tumori potrebbe essere evitato con un’alimentazione varia ed equilibrata.

“Sono in corso altri studi clinici come ‘Breakfast’ – sottolinea Vernieri – da cui in futuro ci aspettiamo preziose informazioni sull’efficacia della riduzione dei livelli ematici di glucosio, non solo in ottica di prevenzione dei tumori, aspetto già riconosciuto dalla comunità scientifica internazionale, ma anche come terapia in aggiunta alle cure tradizionali, come la chemioterapia e l’immunoterapia”.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Giro d'Italia 2022 a Treviso. Ecco dove arriverà lo sprint e il toto tappa

Insalata tiepida di cous cous con ceci neri, cipollotti e tonno

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi