Appello multilingua dei sindacati pensionati alle badanti in Veneto: «Vaccinatevi con fiducia»

IMAGOECONOMICA

Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil del Veneto si rivolgono alle tantissime assistenti familiari che nella nostra regione accudiscono anziani non autosufficienti. Moltissime badanti, provenienti soprattutto dall’Est Europa, non sono vaccinate o lo sono, ma con sieri non riconosciuti da nessuna agenzia del farmaco. Adesso potrebbero comunque fare la terza dose.

MESTRE.  Un appello a vaccinarsi tradotto in inglese, rumeno/moldavo, russo e ucraino. È questa l’iniziativa con cui i sindacati dei pensionati di Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil del Veneto si rivolgono alle tantissime assistenti familiari che nella nostra regione accudiscono anziani non autosufficienti. Il problema è noto e preoccupante: moltissime badanti, provenienti soprattutto dall’Est Europa, non sono vaccinate o lo sono, ma con sieri non riconosciuti da nessuna agenzia del farmaco. Adesso potrebbero comunque fare la terza dose.

Una situazione molto grave, considerando che si stima che solo le "badanti” dell’Est che lavorano in Veneto sono circa 50mila. Tante, purtroppo troppe, sono senza vaccino o vaccinate con Sputnik o Sinovac. Così, attraverso un volantino scritto anche in alfabeto cirillico, Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil spiegano in modo semplice e sintetico i vantaggi della vaccinazione, rimarcando che la vaccinazione è gratuita e permette di ottenere il Green pass.

«Nel nostro appello ricordiamo anche che senza green pass non è possibile lavorare, come stabilito dal governo», sottolineano Elena Di Gregorio (Spi Cgil), Tina Cupani (Fnp Cisl) e Debora Rocco (Uilp Uil), «Il vaccino, inoltre, è fondamentale anche per tutelare la loro salute. Vorremmo invertire in qualche modo una tendenza soprattutto culturale, che relega i Paesi dell’Est agli ultimi posti in Europa per percentuali di immunizzati».

È necessario anche avviare una campagna di informazione, anche alla luce della recente decisione del ministero della Salute che le persone vaccinate all’estero con vaccino non autorizzato Ema, possono ricevere la dose booster, Pfizer o Moderna, a partire da 28 giorni fino a 6 mesi dal ciclo primario.

«Rinnoviamo - concludono le segretarie generali – la nostra richiesta alla Regione affinché avvii una capillare campagna di sensibilizzazione nei confronti delle assistenti familiari».

Il volantino realizzato dai sindacati dei pensionati del Veneto verrà distribuito nelle sedi delle tre sigle sindacali.

Video del giorno

Il supercomputer più veloce del mondo di Meta-Facebook

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi