Contenuto riservato agli abbonati

Il poliziotto che lo arrestò: «Maniero teme solo l’ex amico Pandolfo, i vecchi mestrini non lo spaventano»

Una vecchia foto di Felice Maniero

Michele Festa, il sostituto commissario che lo ha bloccato due volte dopo le evasioni, ricostruisce i rapporti tra l’ex boss della Mala del Brenta e i suoi sodali. E dice che non crede assolutamente alla loro capacità di organizzare un attentato 

VENEZIA. «Maniero si sarà fatto due grosse risate e tra sé e sé avrà detto: che vengano pure se hanno le p… Ma di sicuro non è preoccupato e non perché si trova in carcere, ma perché questi non sono in grado di fare nessun attentato a “Felicetto”». Il sostituto commissario della Polizia Michele Festa, oggi in pensione, non crede assolutamente nella capacità dei “Mestrini” di oggi, di organizzare un attentato a Felice Maniero.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori

Video del giorno

Il supercomputer più veloce del mondo di Meta-Facebook

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi