Cortina, concerto sotto la pioggia per i “Royal fireworks” davanti alle Cinque Torri

Il maltempo ha costretto musicisti e pubblico a correre nel rifugio. L’orchestra ha suonato sotto il tendone

CORTINA. Gli organizzatori consigliavano “abbigliamento comodo e un plaid per sedersi sul prato”. Degli ombrelli e degli eskimo, a 2.250 metri, sarebbero serviti di più. Il concerto The Royal Fireworks di Georg Friedrich Händel, con l’Orchestra Filarmonica Italiana dal vivo diretta da Beatrice Venezi, sulla Parete Ovest delle Cinque Torri è stato spostato in un rifugio da Giove Pluvio che ha anche rovinato il prosieguo con lo spettacolo dei giochi di luce di Marco Filibeck, light designer del Teatro alla Scala che attraverso il progetto luminoso realizzato ad hoc per l’occasione doveva ricreare l’atmosfera dello spettacolo del 1749 sul Tamigi.

L’evento di CortinAteatro, la stagione concertistica e teatrale amp

Il concerto di Hendel al Cinque Torri di Cortina

Gli orchestrali in settimana avevano fatto le prove a teatro e poi martedì sera c’era stata la prova suono all’aperto lì sul luogo del concerto.

Le condizioni meteo erano già precarie nel pomeriggio, ma i musicisti hanno tentato lo stesso fino all’ultimo di fare concerto più uno spettacolo di luci sulla montagna (videomapping).

In serata la situazione è diventata proibitiva con freddo (2.250 metri) e appunto l’inizio della pioggia.

Beatrice Venezi, che ha diretto a spalle nude, durante il concerto ha ringraziato gli orchestrali per la disponibilità e anche gli spettatori per aver partecipato nonostante i disagi.

Video del giorno

Eleonora Pedron: ecco perché a quasi quarant'anni ho deciso di laurearmi

Barbabietola con citronette alla senape e sesamo

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi