Contenuto riservato agli abbonati

La Procura apre un’inchiesta sulla croce di Wojtyla sul monte Baldo

Don Maurizio Viviani benedice la croce astile dedicata a papa Wojtyla

L’opera alta 18 metri pensata per il Faloria di Cortina è stata poi destinata a Malcesine. Il Comune ha stanziato 100 mila euro, il pm Gennaro contesta l’abuso d’ufficio

VERONASta diventando un caso giudiziario per la giunta di Malcesine la croce di papa Wojtyla, alta 18 metri, in resina bronzata, scolpita da Andrea Trisciuzzi: in ballo c’è un contributo di 100 mila euro alla società PGP2 che per il pm veronese Gennaro Ottaviano potrebbe configurarsi come un abuso in atti d’ufficio.

L’opera, destinata alle vette del Faloria di Cortina, non è mai stata installata per i vincoli ambientali Unesco che tutelano le Dolomiti.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori

Video del giorno

La danze Maori per la mostra "Power and prestige" a Venezia

Gallinella su purea di zucca, patate croccanti e cavolo riccio

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi