Alex Zanardi dimesso dal San Raffaele: è stato trasferito in ospedale a Padova

"Il paziente - spiegano dall'ospedale milanese - ha raggiunto una condizione fisica e neurologica di generale stabilità che ha consentito il trasferimento ad altra struttura ospedaliera dotata di tutte le specialità cliniche necessarie e il conseguente avvicinamento al domicilio familiare"

PADOVA. L’Ospedale San Raffaele informa che oggi, sabato 21 novembre,  Alex Zanardi è stato trasferito presso l’Ospedale di Padova.

«Il paziente - si legge in una nota - ha raggiunto una condizione fisica e neurologica di generale stabilità che ha consentito il trasferimento ad altra struttura ospedaliera dotata di tutte le specialità cliniche necessarie e il conseguente avvicinamento al domicilio familiare». 

Zanardi, giunto al San Raffaele il 24 luglio scorso, in condizioni di grave instabilità neurologica e sistemica, «ha affrontato dapprima un periodo di rianimazione intensiva, quindi un percorso chirurgico, in primo luogo per risolvere le complicanze tardive dovute al trauma primitivo e in seguito per la ricostruzione facciale e cranica. Negli ultimi due mesi, ha potuto intraprendere anche un percorso di riabilitazione fisica e cognitiva. Ad Alex e alla sua famiglia - conclude la nota - tutto l’ospedale augura un futuro di progressivo miglioramento clinico».

"Il paziente - spiegano dall'ospedale milanese - ha raggiunto una condizione fisica e neurologica di generale stabilità che ha consentito il trasferimento ad altra struttura ospedaliera dotata di tutte le specialità cliniche necessarie e il conseguente avvicinamento al domicilio familiare".

Zanardi, dal 19 giugno, giorno dell’incidente in handbike in Val d’Orcia, è stato sottoposto a quattro interventi. I primi tre al Policlinico Santa Maria alle Scotte di Siena, dove è stato ricoverato subito dopo lo scontro con il camion: un intervento d’urgenza alla testa, poi un secondo, il 29 giugno.

La terza operazione, di cinque ore, è arrivata il 6 luglio, i medici hanno ricostruito minuziosamente il volto devastato. Il 21 luglio è stato dimesso dal centro senese per essere trasferito nel polo specialistico di Villa Beretta, dove avrebbe dovuto affrontare un lungo periodo di recupero e riabilitazione funzionale. Ma dopo soli tre giorni, per una febbre causata da un'infezione, le sue condizioni sono precipitate.

Così, il 24 luglio, la corsa in ambulanza al San Raffaele e altra angoscia, altri esami, risonanze magnetiche, tac e test cognitivi fino all'ultimo intervento, tra il 26 e il 27 luglio, quando per la quarta volta in soli 36 giorni l’équipe del professor Pietro Mortini ha dovuto contrastare «le complicanze tardive dovute al trauma cranico»

Focaccia integrale alla farina di lenticchie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi