Coronavirus, in Veneto ora i ricoverati in Terapia intensiva sono più di 100

Sfondata anche quota 50 mila contagiati dall'inizio dell'epidemia. Sta per scattare la fase gialla, in cui saranno riaperti dieci Covid hospital

VENEZIA. Il Veneto si avvia a entrare nella terza fase del piano di controllo dell'epidemia da coronavirus: per la prima volta sfondata quota 50 mila contagiati dall'inizio dell'epidemia, ora sono 51.244 (+2.109 nelle 24 ore), sfondato anche il tetto di 100 ricoverati nelle terapie intensive (ora sono 102, +8 nelle 24 ore). I ricoverati in area non critica assommano a 859 (+57) e con 900 scatta la fase gialla in cui vengono riaperti i 10 Covid hospital del Veneto. 

E' peraltro notizia di stamattina che l'ospedale di Schiavonia è già tornato Covid hospital: iniziato il trasferimento di alcuni pazienti per liberare posti letto ai malati di Covid.  

Preoccupante anche il balzo delle vittime, ora diventate 2.371 (+16). 

Del totale di 859 ricoverati in area non critica i negativizzati sono 100, mentre sono 5 tra i 102 pazienti in terapia intensiva. I soggetti in isolamento domiciliare salgono oggi a 16918 (+925), dei quali 7.512 positivi al virus.

La provincia con il numero più alto è Verona, 1.634, seguita da Venezia, 1.536 e Vicenza, 1.355. Dall'inizio dell'epidemia, il 21 febbraio scorso, le persone che hanno contratto il SarsCov 2 e si sono poi negativizzate sono 25.247

Focaccia integrale alla farina di lenticchie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi