La Regione: "Occhio alle truffe a nostro nome con la moneta elettronica"

Inviate lettere con il simbolo veneto e l'invito a depositare 500 euro per averne il doppio in criptovaluta. Già avviate le indagini