La regina Elisabetta II sta bene: a Windsor per il battesimo dei pronipoti

La regina Elisabetta II sta bene: a Windsor per il battesimo dei pronipoti
Il castello di Windsor ha ospitato due battesimi reali in un solo giorno. Quelli di August e Lucas, rispettivamente figli della principessa Eugenia di York e di Zara Phillips. Sua Maestà era presente, in salute e vestita di colori vitaminici
2 minuti di lettura

Sono stati celebrati in privato, senza clamore mediatico, i battesimi di due tra i royal babies che il 2021 ha portato nella famiglia reale britannica: August, figlio della principessa Eugenia di York e Jack Brooksbank, e Lucas, terzogenito di Zara Phillips e Mike Tindall.

Riuniti attorno alla fonte battesimale della All Saints Chapel a Windsor, la regina Elisabetta II e i suoi parenti più stretti hanno assistito al rito che ha visto bagnare i bambini con l'acqua del fiume Giordano raccolta dal principe Carlo e dalla duchessa di Cornovaglia Camilla appena pochi giorni prima, durante il loro viaggio in Giordania, primo royal tour dopo la pandemia. Sembra infatti che il principe abbia chiesto al personale nell’ambasciata britannica di riempire dozzine di bottiglie di acqua benedetta e di caricarle sull'aereo di ritorno a Londra, per rispettare la tradizione che vuole i nuovi nati della famiglia reale inglese essere battezzati con l'acqua santa del fiume in cui fu battezzato Gesù.

La regina è stata vista arrivare a Windsor in auto, domenica 21 novembre, vestita come di consuetudine di un colore acceso, verde acido, con cappellino in tinta. L'immagine rubata dai paparazzi durante il suo passaggio a bordo della Range Rover ha rassicurato quanti, in questi giorni, sono preoccupati per il suo stato di salute; nonostante avesse annunciato la propria presenta alle celebrazioni del Remembrance Day, il 14 novembre scorso, la regina è stata infatti costretta a rinunciare per via di uno strappo alla schiena. La grande festa per il Giubileo di Platino è quasi pronta, probabilmente il medico di corte vuol preservare l'anziana sovrana da ogni sorzo inutile per concederle di festeggiare la tappa record dei settant'anni anni di Regno, tra pochi mesi. 

Su una seconda auto viaggiava l'orgogliosa mamma di August, la principessa Eugenia, sorridente sotto un nuovo headband, accessorio per capelli (banalmente, un cerchietto bombato) diventato ormai un must have dei suoi outfit.

Chi sono i bambini battezzati

August Philip Hawke Brooksbank è il primogenito della principessa Eugenia di York (31 anni, figlia dell'ormai famigerato duca di York, Andrea, invischiato nell'affare Epstein, e di Sara Ferguson) e Jack Brooksbank. Il bambino è nato il 9 febbraio 2021 e porta come secondo nome quello del nonno, il principe Filippo duca di Edimburgo, consorte della regina scomparso il 9 aprile scorso.

Lucas Tindall è invece il terzogenito di una coppia che vive ai margini della vita reale: quella formata da Zara Phillips, 40 anni, figlia della principessa reale Anna (unica figlia femmina della regina) e Mike Tindall, ex campione di rugby della nazionale inglese. I due sono già genitori di due bambine: Mia Grace e Lena Elizabeth, 7 e 3 anni. Lucas è invece venuto alla luce il 21 marzo 2021 sul pavimento del bagno di casa, fatto che ha suscitato molta curiosità, secondo quanto raccontato dall'orgoglioso padre Mike durante una puntata del suo podcast The Good, The Bad and The Rugby.

... e chi invece le bambine escluse dal rito

Nella lista dei battezzandi della royal family mancavano all'appello due bambine: Lilibet Diana, figlia del principe Harry e di Meghan Markle, nata il 4 giugno 2021 e ancora mai portata in visita alla bisnonna regina, e Sienna Elizabeth, figlia della principessa Beatrice di York (33 anni) e suo marito Edoardo Mapelli Mozzi, probabilmente ancora troppo piccola anche per il rito, poiché il suo arrivo al mondo è del 18 settembre scorso.

Nessun comunicato ufficiale è ancora stato diffuso per ricordare questo giorno speciale, né sono state diffusi i ritratti posati di rito. Il desiderio di mantenere privata la celebrazione è probabilmente legato alla necessità di non alimentare le discussioni in merito alla cosiddetta 'faida familiare' che vedrebbe ancora contrapposti i fratelli Windsor, i principi William e Harry, e in generale la famiglia reale contro i duchi di Sussex, residenti ormai dal gennaio 2020 in America e sempre più lontani - non solo geograficamente - dai parenti lasciati nel Regno Unito. Dopo molte illazioni e supposizioni in merito alla possibilità che la piccola Lilibet Diana, ottava in linea di successione al trono, potesse essere battezzata a Windsor, come i cugini e tutti i nuovi nati della famiglia reale fino a oggi (incluso suo fratello Archie), ogni voce è stata smentita da un comunicato non ufficiale affidato a un portavoce della coppia Harry e Meghan: la bambina sarà battezzata in America, non si esclude anzi che il rito sia già stato celebrato.