'Chasing Evil' collection, IAMISIGO, Kenya, Autumn/Winter 2020 Courtesy IAMISIGO. Photo: Maganga Mwagogo
'Chasing Evil' collection, IAMISIGO, Kenya, Autumn/Winter 2020 Courtesy IAMISIGO. Photo: Maganga Mwagogo 

Africa Fashion: si accendono i riflettori sulla moda africana

Il Victoria & Albert Museum di Londra inaugura una grande mostra dedicata alla moda africana. Dalla rivoluzione del costume nel ventesimo secolo ai talenti creativi contemporanei, Africa Fashion esplora la vitalità e l'impatto globale di una scena dinamica e varia come il continente stesso

2 minuti di lettura

Riuscire a raccontare la storia della moda contemporanea di un intero continente in un’unica mostra è un obbiettivo quantomeno ambizioso. Ma quando, storicamente, al design di quel continente si è dato così poco spazio, forse una grande celebrazione omnicomprensiva è quello che serve a restituirgli almeno un po’ della visibilità di cui è stato privato per molto tempo. Africa Fashion è la mostra del Victoria & Albert Museum di Londra che omaggia i creativi della moda africana, presentando una (seppur riduttiva, per forza di cose) panoramica sugli ultimi settant’anni di arti visive, costume, tessile provenienti dal dinamico e variegato continente.

Models holding hands, Lagos, Nigeria, 2019 by Stephen Tayo. Courtesy Lagos Fashion Week
Models holding hands, Lagos, Nigeria, 2019 by Stephen Tayo. Courtesy Lagos Fashion Week 

La moda africana è sempre esistita, è sempre stata parte di noi. La moda africana è il presente e il futuro. Non si tratta solo di alcuni designer, è un vero e proprio ecosistema di modelle, make-up artists, fotografi, illustratori”, commenta Omoyemi Akerele, fondatore e direttore della Lagos Fashion Week. “Questa mostra è importante perché per la prima volta la moda del continente può essere vista da una diversa prospettiva, che abbraccia secoli di creatività”.

I talenti africani in primo piano

L’impatto dell’Africa sulla moda e sul costume contemporaneo è infatti enorme, ma raramente è stato riconosciuto ai popoli, alle culture, agli artigiani dei Paesi che la compongono il giusto merito. Con questa mostra il V&A vuole dimostrarlo, sottolineando come oggi la scena fashion contemporanea africana sia più vitale, vibrante e dinamica che mai. Oltre 250 i pezzi in esposizione, tra capi di abbigliamento, accessori, bozzetti, ma anche oggettistica, filmati e fotografie che raccontano la storia del fashion africano dalla seconda metà del Novecento ad oggi.

“L’obbiettivo principale di Africa Fashion è mettere in primo piano voci e prospettive dei talenti africani. La mostra presenta la moda del continente come una forma d’arte autodefinita, che rivela la ricchezza e la diversità delle storie e delle culture africane”, ha spiegato Christine Checinska, curatrice della sezione del museo dedicata alla moda e al tessile africano e della diaspora africana.

Alchemy collection, Thebe Magugu, Johannesburg, South Africa, Autumn/Winter 2021. Photography: Tatenda Chidora. Styling + Set: Chloe Andrea Welgemoed. Model: Sio 
Alchemy collection, Thebe Magugu, Johannesburg, South Africa, Autumn/Winter 2021. Photography: Tatenda Chidora. Styling + Set: Chloe Andrea Welgemoed. Model: Sio
  

Esporre tutta la moda di un’area così vasta sarebbe stato impossibile”, prosegue Checinska. “Africa Fashion celebra invece la vitalità e l'innovazione di una selezione di creativi della moda, esplorando il lavoro delle avanguardie del XX secolo e i talenti al centro dell’eclettica e cosmopolita scena di oggi. Ci auguriamo che da questa mostra scaturisca una sorta di ri-negoziazione della geografia della moda, e diventi un punto di svolta per il settore”.

Alcuni focus particolari vengono dedicati a designer iconici del ventesimo secolo, come Shade Thomas-Fahm, Chris Seydou, Kofi Ansah e Alphadi, e ad alcuni dei nomi più importanti del panorama contemporaneo, come Imane Ayissi, IAMISIGO, Moshions, Thebe Magugu e Sindiso Khumalo.

Design by Chris Seydou © Nabil Zorkot
Design by Chris Seydou © Nabil Zorkot 

Non mancano contestualizzazioni storiche e politiche di eventi che hanno fortemente influenzato la moda e il costume africano, come gli anni della decolonizzazione, durante i quali la moda e le arti visive hanno giocato un ruolo prezioso nel rinascimento culturale di ogni singolo paese, gettando le basi per la rivoluzione fashion a cui assistiamo oggi. Rivoluzione supportata oggi dai nuovi mezzi digitali, che stanno portando la moda contemporanea africana ben al di fuori dei confini continentali.

Per tutta la durata della mostra (iniziata il 2 luglio e visitabile fino ad aprile 2023) il V&A propone un programma di talk, workshop, eventi, performance dedicati alla moda africana. “Africa Fashion significa passato, presente e futuro”, è il commento di Artsi, stilista di Maison ArtC. “La gioia della vita e del colore sono completamente diversi in ogni parte del continente, e così specifici. Sono linguaggi che parlano di eredità culturale, di DNA, di memoria”.

“Ci sono così tante sfaccettature del nostro continente che le persone non capiscono”, conclude il designer Thebe Magugu. “Ora come non mai i designer africani si stanno appropriando della propria narrativa, e stanno raccontando al mondo storie autentiche, non utopie immaginarie”.

Tutte le foto sono tratte da "Africa Fashion", Victoria & Albert Museum, Londra.

Aso Lànkí, Kí Ató Ki Ènìyàn (‘We greet dress before we greet its wearer’) collection, Lagos, Nigeria, 2021. Lagos Space Programme. Photo: © Kadara Enyeasi
Aso Lànkí, Kí Ató Ki Ènìyàn (‘We greet dress before we greet its wearer’) collection, Lagos, Nigeria, 2021. Lagos Space Programme. Photo: © Kadara Enyeasi 

Mbeuk Idourrou collection, Imane Ayissi, Paris, France, Autumn/Winter 2019. Photo: Fabrice Malard / Courtesy of Imane Ayissi
Mbeuk Idourrou collection, Imane Ayissi, Paris, France, Autumn/Winter 2019. Photo: Fabrice Malard / Courtesy of Imane Ayissi 

DAKALA CLOTH ensemble, 'Who Knew' collection, Abuja, Nigeria, Spring/Summer 2019. Image courtesy Nkwo Onwuka © Kola Oshalusi 
DAKALA CLOTH ensemble, 'Who Knew' collection, Abuja, Nigeria, Spring/Summer 2019. Image courtesy Nkwo Onwuka © Kola Oshalusi
  

Necklace, ‘Salt of the Earth’ collectionAmi Doshi Shah, Kenya, 2019. Courtesy Ami Doshi Shah. Photo by Sunny Dolat
Necklace, ‘Salt of the Earth’ collection
Ami Doshi Shah, Kenya, 2019. Courtesy Ami Doshi Shah. Photo by Sunny Dolat 

Kofi Ansah 'Indigo' Couture 1997, Narh & Linda. Photo © 1997 Eric Don-Arthur
Kofi Ansah 'Indigo' Couture 1997, Narh & Linda. Photo © 1997 Eric Don-Arthur 

La designer marocchina Naima Bennis
La designer marocchina Naima Bennis 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito