Il Consiglio di Stato “decapita” i vertici della Cassazione: accolto il ricorso contro le nomine di presidente e vice

Ribaltata la precedente sentenza del Tar che aveva confermato le nomine di Pietro Curzio e Margherita Cassano

Il Consiglio di Stato, con due distinte sentenze pubblicate oggi, ha di fatto «decapitato» i vertici della Corte di Cassazione. Accogliendo infatti il ricorso del giudice Angelo Spirito ha dichiarato illegittime le nomine, fatte nel 2020 dal Csm, del presidente della Suprema Corte Pietro Curzio e del presidente aggiunto Margherita Cassano. Il Consiglio di Stato ha ribaltato una precedente sentenza del Tar del Lazio che, invece, aveva confermato le nomine e respinto il ricorso.

Video del giorno

Jesolo, lo spettacolo della spiaggia imbiancata dalla brina all'alba

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi