Scontro Franceschini-Speranza sulla capienza dei teatri

Il minsitro della Cultura chiedeva di riportate la capienza al 100% ma il titolare della Salute si è opposto. La questione quindi è stata rinviata a un nuovo esame il prossimo 1° ottobre

Una cabina di regia movimentata. Almeno così la raccontano alcuni protagonisti. E uno dei nodi ancora irrisolti riguarda il ubblico nei teatri e più in generale nei centri culturali. E su questo c’è stato un confronto piuttosto serrato tra i ministri Dario Franceschini e Roberto Speranza. Tema, apunto, la capienza degli eventi. Il titolare dei Beni Culturali, viene riferito, avrebbe sollecitato nella riunione l'esigenza di portare al 100% la capienza in teatri, cinema, musei grazie al 'mix' mascherine/green pass obbligatorio. Una posizione non condivisa da Speranza che avrebbe invitato a prendere una decisione in merito solo dopo una valutazione più complessiva sull'andamento dei contagi. Una linea su cui si sarebbe attestato anche il premier Mario Draghi. La questione quindi è stata rinviata a un nuovo esame il prossimo 1° ottobre. 

Video del giorno

La portineria di quartiere apre a Mestre: raccoglierà le richieste di chi ha bisogno di una mano

Torta di grano saraceno con mirtilli e mele

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi