Hong Kong: no a libertà su cauzione per i dirigenti del quotidiano Apple Daily

È la prima volta che, in virtù della nuova legge, vengono perseguite opinioni politiche pubblicate da un organo di informazione dell'ex colonia britannica

Il tribunale di Hong Kong ha rifiutato la libertà su cauzione a Ryan Law Wai-kwong e Cheung Kim-hung, rispettivamente direttore e amministratore delegato del tabloid pro-democrazia “Apple Daily”. I due dirigenti del quotidiano di Hong Kong, arrestati giovedì, sono stati incriminati per collusione con forze straniere, uno dei reati introdotti dalla legge sulla sicurezza nazionale nella città imposta lo scorso anno da Pechino.

La legge prevede pene fino all'ergastolo per i reati di secessione, sovversione, terrorismo e collusione con forze straniere. È la prima volta che, in virtù della nuova legge, vengono perseguite opinioni politiche pubblicate da un organo di informazione dell'ex colonia britannica. 

Video del giorno

Un capriolo tra gli ombrelloni a Bibione, ecco il video

Frittata con farina di ceci e zucchine

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi