Coronavirus, in Grecia e Francia riaprono le spiagge. Drammatica escalation in Brasile

La riapertura delle spiagge in Grecia, 16 maggio 2020

Andrew Cuomo bacchetta gli abitanti di New York: “Molti contagiati perché vanno a fare shopping”. La Cina a caccia di riserve alimentari

In molti Paesi del mondo, come in Italia, è iniziata la Fase 2. Ognuno cerca la formula giusta che possa mantenere in equilibrio ritorno alla normalità e sicurezza, ma le difficoltà non sono poche. Ecco come ci si sta muovendo nei vari Paesi.

Europa
In Spagna il primo ministro Pedro Sanchez cercherà di estendere un’ultima volta fino a fine giugno lo stato d’emergenza. Deve fare i conti con le proteste antigovernative scoppiate in tutto il Paese, uno dei più colpiti dal virus. In Italia come sappiamo da domani scatterà un’ulteriore passo verso la riapertura. Sull’orizzonte si staglia la questione turismo, una delle voci più importanti nell’economia del nostro Paese. Il premier Giuseppe Conte ha delineato una strategia per riaprire i confini dal prossimo mese ai viaggiatori europei. Il nostro era uno dei blocchi più rigidi d’Europa. In Grecia i cittadini si sono riversati al mare quando sono state riaperte 500 spiagge. Anche in Francia c’è aria d’estate: a Nizza i bagnanti si sono tuffati in mare o hanno passeggiato lungo la Promenade des Anglais, molti indossando mascherine protettive. In Germania il ministro delle Finanze Olaf Scholz ha incontrato l’opposizione per discutere di un piano di 57 miliardi di euro per aiutare i Comuni a fronte del calo delle entrate fiscali dovute alla crisi. Secondo un sondaggio appena pubblicato nel Regno Unito sono stati i lavoratori con i redditi più bassi quelli più colpiti dal lockdown.

Americhe
Grave situazione in Brasile, dove lo scontro tra il presidente Jair Bolsonaro e i governatori degli Stati non è altro che l’evolvere politico del contagio. Il numero degli infetti nel Paese sudamericano è letteralmente esploso portando il Brasile a essere il quarto Paese più contagiato del mondo. Negli Stati Uniti parziale marcia indietro di Donald Trump rispetto all’annuncio di azzerare il contributo americano all’Organizzazione Mondiale della Sanità. Il presidente Usa ha dichiarato che la sua amministrazione sta prendendo in considerazione numerose proposte tra cui una in cui Washington pagherebbe circa il 10% del suo precedente contributo. Il governatore di New York, Andrew Cuomo, ha denunciato che i nuovi casi di Covid 19 nello Stato sono dovuti soprattutto a persone che hanno lasciato le loro case per andare a fare shopping o per socializzare e non per colpa di chi deve continuare a svolgere lavori considerati essenziali. In Canada il primo ministro Justin Trudeau ha dichiarato che avrebbe cercato possibili modi per aiutare le compagnie aeree ma non ha adottato nuove misure dopo che la più grande compagnia aerea del Paese ha annunciato licenziamenti in massa a causa della pandemia.

Asia e Pacifico
In Nuova Zelanda il primo ministro Jacinda Andern, acclamata durante la pandemia di coronavirus, è stata allontanata da un bar insieme al marito perché considerato troppo affollato per le linee guida che lui stesso aveva dettato. In Cina, indossando mascherine e tenendosi a circa un metro di distanza, gli abitanti di Wuhan sono tornati a ballare sabato sera sulla sponda del fiume Yangtze. Pechino ha inoltre chiesto alle società commerciali di incrementare le scorte di cereali e semi oleosi per la possibile seconda ondata di coronavirus e il peggioramento del contagio in altre parti del Globo che rischiano di mettere in crisi le sue linee di approvvigionamento alimentare.

Polemiche in Giappone dove si è scoperto che i medici sono costretti a lavorare con mascherine che devono essere riutilizzate e pochi ricevono l’indennità di pericolo che dovrebbe essere loro erogata in situazioni come la pandemia di coronavirus.

Medioriente e Africa
I governi di Abu Dhabi e Dubai stanno discutendo su come sostenere l’economia di Dubai collegando le attività nei due emirati con il fondo statale di Abu Dhabi. Per il momento lo Zimbabwe manterrà il blocco del coronavirus, anche se le aziende potranno aprire più a lungo e le restrizioni saranno riviste ogni due settimane.

Pancake di ceci con robiola e rucola

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi