La cucina georgiana? Si condivide. E i ravioli si mangiano con le mani

Il tipico Khachapuri 
Khinkali, pasta ripiena di carne, e khachapuri, pane con formaggio e uovo, sono due tra i piatti più interessanti del Paese che sorge sulle rive del Mar Nero, tra Europa e Asia. Una gastronomia che spopola da sempre in Russia: solo a Mosca oggi sono 400 i ristoranti ad hoc
2 minuti di lettura

MOSCA. Se non avete mai provato i khinkali o il khachapuri allora vi siete persi due dei piatti più interessanti della cucina georgiana, e più in generale di quell'area che fa da cerniera fra Europa e Asia. Condivisione, gusto e tradizione si sposano alla perfezione nella tradizione di questo Paese che sorge sulle rive del Mar Nero, in un’area che in passato è stata una rotta commerciale importante tra i due continenti e che ha fatto sì che i piatti locali subissero influenze di ogni genere dando vita a una proposta unica.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori