Caso Buitoni, apertura di Nestlè: "Il marchio continuerà a vivere in Italia e all'estero"

Cessa la concessione da parte del gigante alimentare alla società italiana Newlat Food Spa, che lascia il marchio toscano per le royalties troppo alte e perché vuole concentrarsi sul suo brand di punta, Delverde. Ma intanto la multinazionale svizzera si è impegnata a non vendere lo storico logo per 18 mesi, poi si vedrà
2 minuti di lettura

Per Buitoni cessa la concessione da parte della multinazionale Nestlé alla società italiana Newlat Food Spa, che deteneva la licenza del marchio. Ma Nestlè si impegna a non venderlo per 18 metri al termine dei quali si valuterà il da farsi. 

Newlat Food Spa è un'azienda del settore agroalimentare con i marchi Dalverde, Polenghi e Giglio che nel 2008 ha rilevato lo storico stabilimento di Sansepolcro per la produzione di pasta secca, pasta secca all'uovo e prodotti da forno da Nestlè.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori