Teglio e Parodi, due dinastie e una vocazione: tonno (in scatola) di qualità

Giorgia e Camilla Teglio, oggi al timone della Icat Food, raccontano una storia fatta di intrecci, destino e tanta volontà. Compresa quella di guardare al futuro dell'industria conserviera 
5 minuti di lettura

Favoriti e manubri, corpose basette e baffi ritorti ornavano il volto degli uomini del XIX secolo; li portavano anche Laudadio e Angelo, genovesi che non sapevano quanto il loro lavoro sarebbe confluito nelle generazioni a venire. Era il 1850 quando Laudadio Teglio arrivava a Genova da Modena per importare pesce salato, stesso anno in cui Angelo Parodi rilevava una salumeria dopo aver imparato il mestiere come garzone di bottega dallo zio.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori