Il futuro dei ristoranti? Gli chef: tra doppie brigate, giorni di riposo aggiuntivi e tanta fatica

(@David Tadevosian/123RF) 
Come si risponde alla carenza di personale? E come si migliora l'ambiente di lavoro? Buffara: "Ridurre il tempo che si passa in cucina". Martínez: "Personale diverso per i servizi di pranzo e cena". Smyth: "Ma non dimentichiamo che in tutte le discipline ad alti livelli è dura"
2 minuti di lettura

MILANO. "Quando nel tuo ristorante c'è un ambiente di lavoro sano aumentano la produttività, la soddisfazione e il coinvolgimento della squadra. Nel mio abbiamo recentemente aumentato i giorni di chiusura, passando da 2 a 3, e il miglioramento è stato evidente". Manu Buffara, chef e proprietaria di Manu a Curitiba, in Brasile, ne è convinta: "Rendere più salutare la vita nelle cucine è un nostro dovere perché lavorare 16-18 ore al giorno non è possibile.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori