E Gianluca Vacchi si dà al kebab: nasce la catena Kebhouze

Gianluca Vacchi si dà al business del cibo 
L'influencer seguito da milioni di follower punta sullo street food e apre 5 locali tra Milano e Roma. L'imprenditore bolognese: "Ogni ingrediente utilizzato sarà di massima qualità". Carne italiana, birre artigianali, acqua in tetrapack e packaging sostenibile
2 minuti di lettura

Gianluca Vacchi apre una catena di kebab. Basterebbe questa frase per generare un’emorragia di commenti pendenti tra l’ironico e il sarcastico e invece questa volta, pare, che anche i più scettici dovranno ricredersi.
Il progetto “Kebhouze”, si chiama così, nasce dall’esigenza di mettere insieme alcuni dei prodotti “street food” più apprezzati dai giovani, come il kebab, allontanandoli dalla provenienza incerta della materia prima e da una qualità scadente.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori