Alfonso Iaccarino e Marino Niola: la cucina può guarirci (con filosofia)

A Ercolano una chiacchierata colta tra lo chef campano e l'antropologo per capire come il cibo può diventare "fabbrica del malessere" e come invece può creare benessere
3 minuti di lettura

Può la tavola trasformarsi da occasione conviviale in fabbrica del malessere? Sì. E le ragioni sono molteplici. Dalla scarsa professionalità di chi si mette ai fornelli alla poca accuratezza nella scelta delle materie prime, dalla tendenza modaiola a preferire una cucina dell'astrazione, fatta di portate tanto più costose quanto più invisibili, all'ossessione per regimi alimentari che a furia di demonizzare questo o quel cibo finiscono per escludere l'idea stessa di condivisione. Se

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori