Il vino? Vuole arrivare sui banchi di scuola

La proposta di Donne del Vino è di renderlo materia di studio negli Istituti alberghieri per promuovere da subito la cultura enologica in tutta Italia. Per ora il progetto è in tre regioni pilota 
3 minuti di lettura

Storia, matematica, italiano e vino. L’idea reca il copyright delle Donne del Vino, associazione nazionale che raggruppa produttrici, sommelier e giornaliste: introdurre il vino come materia di studio negli istituti turistici e alberghieri. Tre le regioni pilota: Emilia Romagna, Sicilia e Piemonte. Il progetto, chiamato “D-Vino”, è stato presentato a Firenze, lo scorso 6 settembre, in occasione del G20-Agricoltura alla presenza del senatore Dario Stefàno, della presidente DDV Donatella Cinelli Colombini e dalla delegata dell’Emilia Romagna Antonietta Mazzeo, già coordinatrice del progetto insieme con Roberta Lanero per il Piemonte e Roberta Urso per la Sicilia. Le

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori