Dimmi che caffè bevi e ti dirò che città ami

Una ricerca ha messo a fuoco quali ricordi quattro miscele ispirate a Milano, Roma, Napoli e Palermo siano capaci di risvegliare negli assaggiatori 
2 minuti di lettura
La pianta del caffè non nasce in Italia, affonda anzi le radici in paesi lontani, a volte estremi e con stili di vita opposti rispetto al nostro. Eppure è capace di unirci, a popoli diversi da noi e anche tra noi, da città a città, da paese a paese. Ogni angolo di Italia ha il suo caffè, le sue tradizioni tanto radicate - per quanto recenti - da essere diventate simbolo e cuore di luoghi come Napoli e Trieste (che vorrebbero unite nella candidatura Unesco dell'Arte del Caffè Italiano, ndr). Un rapporto tanto stretto da andare addirittura oltre ciò che comunemente pensiamo, arrivando addirittura a modificare pensieri e emozioni. E' quanto emerso dall'indagine promossa dall’Osservatorio Nescafè Dolce Gusto e Marco Baldocchi Inc. che, a partire da una ricerca neuroscientifica. è andata a indagare il possibile collegamento inconscio tra stimoli gustativi, olfattivi ed emozioni collegate ai ricordi. 
 
Nulla di nuovo che cibo e memoria siano legati tra di loro. Ne hanno scritto i grandi della letteratura (come dimenticate le madeleine di Proust?) tanto quanto sociologi e antropologi, e ci lavorano costantemente i cuochi, consapevoli che un sapore capace di risvegliare un'immagine nel nostro cervello sarà meglio compreso e renderà il pasto un'esperienza da ricordare. Innegabile che alcuni gusti e profumi abbiano la capacità di attivare la nostra memoria involontaria: "senza alcuno sforzo cosciente della nostra mente, risvegliano in noi ricordi vividi e inconfondibili. Si tratta spesso di memorie legate ad un’esperienza, una vacanza, un aroma, una città".
 
Eppure non tutto funziona come pensiamo, nel viaggio dalla bocca ai nostri neuroni:  “Quando degustiamo qualcosa di molto buono, abbiamo l’illusione che il piacere nasca in bocca, in realtà solo un quarto di quella piacevole sensazione è legata al gusto, il resto, il 75%, è questione di olfatto – spiega Marco Baldocchi, docente ed esperto in neuromarketing -. Gli odori creano aspettativa e questa è uno dei veicoli di emozioni più forti. L’olfatto, e quindi le sensazioni che derivano dall’aroma di un prodotto, come per esempio quello di un caffè hanno un fortissimo potere evocativo e creano collegamenti ai ricordi e alle emozioni”. Ed è proprio da questo concetto che è partita la ricerca, capace di portare a scoperte davvero curiose: capire come un prodotto con un forte richiamo legato a una città, possa far scaturire ricordi emozionali di esperienze vissute in quel luogo.
 
Ai candidati è stato proposto di aprire la confezione e prepararsi uno dei caffè della linea in modo da capire se effettivamente sussiste un legame emotivo-cognitivo tra un caffè ispirato a una città italiana e le evocazioni che quel caffè ispira alle persone. Ricerca che ha dato risultati estremamente positivi:  "oltre il 67% dei candidati, durante la successiva intervista" a chi gli chiedeva di raccontare il primo ricordo o la prima esperienza a cui gli veniva da pensare, "hanno riferito episodi accaduti nella città che era rappresentata nel caffè selezionato". Tra questi, quasi l'80% delle donne "hanno raccontato emozioni molto differenti tra loro durante la degustazione delle singole miscele ed estremamente collegate alla città a cui era collegato il singolo caffè. E così Napoli veniva abbinata al concetto di convivialità e di unicità, Milano al divertimento e Roma a ricordi legati al concetto di amicizia e cultura". Tutti ricordi positivi, come se la piacevolezza del caffè rendesse impossibile al cervello di pensare a qualcosa di negativo. 
 
È possibile quindi concludere che in base ai risultati della ricerca, nei ricordi degli italiani, il caffè risulta essere fortemente legato al territorio (non esistono in Italia due regioni che abbiano lo stesso concetto di caffè). Sotto la soglia di coscienza, i profumi e gli aromi, di chiara ispirazione locale possono aiutare a collegare ricordi ed emozioni vissute nel corso di visite e soggiorni in determinate città.