Forum Unwto in Portogallo: "Nuove mete, esportazioni e assaggi, il turismo riparte dal mondo del vino"

Nella regione a vocazione agricola dell’Alentejo il summit internazionale organizzato dall'agenzia delle Nazioni Unite. Il segretario Pololikashvili: "L'enoturismo è una voce fondamentale per scongiurare l’abbandono delle aree rurali da parte dei più giovani". Il ministro Garavaglia: "Nel 2022 appuntamento nelle Langhe"
2 minuti di lettura

REGUENGOS DE MONSARAZ. Sostenibilità, sviluppo delle aree rurali, crescita economica delle comunità agricole. Tutti concetti che devono andar d’accordo con l’enoturismo. Il monito arriva forte e chiaro dalla quinta Conferenza mondiale dell’Unwto, il summit internazionale dedicato all’enoturismo svoltosi in Portogallo nella regione a vocazione agricola dell’Alentejo. Non è un caso infatti che il focus scelto quest’anno sia “Turismo del vino: un motore per lo sviluppo rurale”, incentrato sul contributo che l’enoturismo può dare all’integrazione sociale ed economica, nonché alla capacità di generare opportunità di sviluppo in destinazioni rurali remote.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori