Ma che sapore ha il brodo di giuggiole? Andiamo in Veneto a scoprirlo

Ad Arquà Petrarca, questo frutto mitologico ha trovato la casa perfetta. E una famiglia che ne fa un liquore storico, con la stessa ricetta del '300 
3 minuti di lettura

“Andare in brodo di giuggiole!” Quante volte abbiamo pronunciato quest’espressione e quante volte l’abbiamo sentita pronunciare. Amori che nascono, una vincita, una bella notizia: insomma non importa il contesto, ma quando la felicità è incontrastata il cuore va sotto zucchero e letteralmente siamo in brodo di giuggiole. La prima volta che l’espressione si palesò fu nel 1612. La Crusca ci dice che originariamente erano “succiole”, piccole castagne cotte in acqua.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori