Hamburger Day: quando il panino con la polpetta era un cibo di lusso

L'ispirazione venne dalla città di Amburgo. Poi negli Stati Uniti l'intuizione di usare i pezzi di pane per mangiare in fabbrica. Ma agli esordi, e prima dei fast food, era spesso il piatto più costoso dei menu
4 minuti di lettura

Alla parola hamburger ognuno ha una sua idea in mente. C’è chi pensa a un panino all’interno morbido e leggermente tostato fuori, lattuga fresca e croccante, pomodori dolci ben maturi e nel mezzo una succulenta polpetta schiacciata di carne di manzo ben frollata. Chi invece ha l’immagine delle versioni da fast food molto umami, un po’ omologate, col pane spugnoso, che tanto fanno gola ai ragazzini.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori