Il rapporto

Pasta e dolci Made in Italy tagliano emissioni e spreco d'acqua

Unione Italiana Food fa il punto sui progressidel settore: in 7 anni ha ridotto la CO2 di 69 milioni di chilogrammi, risparmiato 270mila metri cubi di risorse idriche e recuperato 19,5 milioni di chilogrammi di rifiuri
2 minuti di lettura

Il cibo Made in Italy non è solo buono, è anche sostenibile. Dal 2013 al 2019 i settori dei dolci e della pasta prodotti nel nostro Paese hanno tagliato drasticamente il proprio impatto sul Pianeta. Parliamo di un risparmio di 69 milioni di chilogrammi di emissioni di CO2, pari al consumo di circa 36.300 auto; una riduzione di 270mila metri cubi di acqua, equivalente a due volte la quantità che potrebbe contenere il Colosseo, e un recupero di 19,5 milioni di chilogrammi di rifiuti in più, quasi quanto la produzione annuale di scarti di un comune di 39.000

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori