Biodiversità

Perché non si possono sterilizzare gli ippopotami colombiani

Gli animali introdotti in Colombia dal narcotrafficante Pablo Escobar sono una minaccia per l'ecosistema locale. Evitare che si riproducano è complicato e costoso, vanno rimossi
2 minuti di lettura

La storia degli ippopotami di Pablo Escobar è cominciata nel 1993, quando il famosissimo narcotrafficante fu ucciso in un conflitto a fuoco con la polizia e le forze dell’ordine entrarono finalmente nella principesca residenza, l’Haciénda Napoles a Puerto Triunfo, trovandosi di fronte – oltre a rubinetti d’oro e 18 milioni di dollari nascosti nelle pareti della casa - una collezione di circa 200 animali esotici, importati illegalmente negli anni dal narcotrafficante per stupire i suoi soci.

Molti degli animali furono donati agli zoo, ma risultò impossibile spostare i quattro ippopotami - ciascuno del peso di oltre una tonnellata – che sono stati invece liberati e lasciati liberi di vagarenella regione, dove scorre il fiume Magdalena....

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori