Biodiversità

Incendi e cambiamenti climatici, l’orecchione sardo rischia l’estinzione

Foto di Mauro Mucedda 
Un nuovo studio lancia l’allarme per una specie di pipistrello endemica della Sardegna: la popolazione ha subito un calo del 63,4% tra il 2003 e il 2020. E ora gli esperti chiedono che si intervenga prima che sia troppo tardi
3 minuti di lettura

C’è un piccolo pipistrello di 45 millimetri che rischia l’estinzione. Vive soltanto in Sardegna, nelle zone calcaree del Supramonte di Oliena e di Baunei e attorno al complesso montuoso del Gennargentu: qui, nei secoli, si è sviluppato quel che si definisce un endemismo, l’unico che riguarda i chirotteri in Italia. Ma ora per difendere l’orecchione sardo (Plecotus sardus il nome scientifico) dall'estinzione bisognerà impegnarsi, e molto.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori