Biodiversità

Le nuove Riserve della biosfera Unesco: una è in Italia. Ma a che servono?

La riserva della Biosfera Unesco del Delta del Po. 
Con l'ingresso, per la prima volta, di Libia, Arabia Saudita e Lesotho, queste zone di test per valutare le interazioni tra sistemi sociali e natura salgono a 727 in 131 Paesi. Nella penisola ce ne sono 20
2 minuti di lettura

Anche la Libia entra per la prima volta nella rete delle Riserve della Biosfera dell'Unesco. Un battesimo condiviso con Lesotho e Arabia Saudita che finora erano rimaste all'asciutto, escluse dalla lista che oggi conta 727 aree protette in 131 paesi per una superficie complessiva che copre quasi il 6% del nostro pianeta.

Da non confondere con i parchi nazionali, queste riserve sono un modello di convivenza con le attività agricole o con vicini centri urbani e assomigliano più dei laboratori a cielo aperto dove sperimentare soluzioni per lo sviluppo sostenibile.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori