Animali

"Effetto sorella" tra gli elefanti: così le piccole di casa vivono più a lungo

Elefantini fratelli. Virpi Lummaa CC BY 
Uno studio ha analizzato come cambiano speranza di vita, stazza e tasso di riproduzione degli elefanti in relazione al sesso del fratello maggiore. Ecco cosa ha osservato
1 minuti di lettura

Un po' si litiga, un po' ci si aiuta, un po' ci si ignora. I rapporti tra fratelli attraversano stagioni, più o meno durature e più o meno tempestose, e lasciano senza dubbio il segno nella vita di ciascuno. Succede anche agli elefanti, dove i segni sono per così dire in qualche modo particolari e legati al sesso dei fratelli. Secondo infatti uno studio pubblicato sul Journal of Animal Ecology avere sorelle più grandi sarebbe un bel vantaggio per le femmine più piccole che vivrebbero di più e farebbero anche figli prima.

A fare luce sulle dinamiche di famiglia tra elefanti - animali estremamente sociali - è un team internazionale di ricercatori che ha analizzato se intercorressero correlazioni tra sesso di fratelli maggiori e parametri come massa, sopravvivenza, successo riproduttivo, e sesso stesso nei fratelli più piccoli. Lo hanno fatto studiando i dati messi da parte per oltre duemila cuccioli di elefanti asiatici (Elephas maximus), nati tra il 1948 e il 2018, osservando che l'"effetto fratello", come lo chiamano, è piuttosto complesso e sfaccettato per gli elefanti. Ma più che effetto fratello sarebbe opportuno chiamarlo "effetto sorella".

In particolare, quanto visto, scrivono gli autori è questo: avere un fratello maggiore, poco importa di che sesso, aumenta la longevità, sia per maschi sia per femmine più piccoli. Analizzando il sesso di chi nasceva prima e dopo però le cose si facevano più complicate. Per esempio: per una femmina avere una sorella maggiore significava vivere più a lungo e cominciare a figliare prima rispetto all'avere un fratello maggiore. Per un maschio però avere una sorella più grande (e non un fratello) significava vivere meno, pur acquisendo una stazza più grande.

Cina, branco di elefanti irrompe in città: residenti evacuati e strade deserte

"Il nostro studio conferma che le relazioni tra fratelli influenzano le vite individuali, in modo particolare nelle specie sociali come gli elefanti, dove i comportamenti coopertivi sono essenziali per lo sviluppo, la sopravvivenza e il potenziale riproduttivo degli individui", ha commentato Vérane Berger della University of Turku, a capo dello studio. L'effetto fratello maggiore (o sorella maggiore appunto) potrebbe giustificarsi chiamando in causa comportamenti di aiuto o di competizione sesso-specifici, scrivono gli autori. Basti pensare al possibile ruolo di aiutanti delle sorelle maggiori durante la fase riproduttiva.

Certo, conferme saranno necessarie per avvalorare osservazioni che al momento sono solo correlazioni, fatte su popolazioni di elefanti che vivono in condizioni di semi-cattività in Myanmar (lavorando di giorno e libere di notte nelle foreste). Tra gli aspetti da indagare proprio il carico di lavoro, ma anche le cure materne e di parametri fisici della mamma, come il peso, ipotizzano gli esperti. 

Thailandia, traffico paralizzato: in strada c'è una famiglia di elefanti