Clima

La mezzaluna fertile ora è arida: l'Eufrate a secco è un disastro umanitario

L'Eufrate nella provincia di Raqqa nell'est della Siria (afp)
Il grande fiume della terre culla della civiltà è oggi a livelli bassissimi soprattutto in Siria. Nel Nord Est cinque milioni di perosne rischiano di rimanere senz'acqua e corrente elettrica. I curdi accusano la Turchia per la gestione delle dighe
3 minuti di lettura

C'era una volta la mezzaluna fertile: adesso non c'è più. Uno dei fiumi più importanti del mondo che in genere si abbina sempre al Tigri, è in estrema sofferenza: l'Eufrate, il grande fiume citato nella Bibbia e simbolo della culla della civiltà e della Mesopotamia, è oggi in Siria ridotto a una portata minima, a livelli allarmanti, "come se fossimo nel deserto" raccontano gli abitanti.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori