Innovazione

Le due facce delle Ai quando lavorano sull'ambiente

Previsione del movimento delle nuvole per orientare i pannelli solari e scoperta dei nuovi materiali per le batterie del futuro sono gli usi virtuosi. “Ma l’intelligenza artificiale serve anche per spingere il consumismo e sfruttare i combustibili fossili” avvertono gli esperti. Ecco gli algoritmi per contrastare il cambio climatico
3 minuti di lettura

Può prevedere il movimento delle nuvole per orientare i pannelli solari al meglio, è in grado di analizzare in maniera chirurgica i picchi di traffico dei data center, per ottimizzare i consumi energetici sfruttando al massimo le fonti rinnovabili, sa scandagliare le immagini satellitari per capire in anticipo le condizioni del ghiaccio ai Poli o lo stato dei raccolti, sta simulando il comportamento di milioni di nuovi materiali per rendere le batterie più economiche da produrre.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori