Sostenibilità

Ikea vende energia rinnovabile a tutte le famiglie svedesi

Da settembre, il marchio più noto al mondo di mobili in scatola di montaggio fornirà anche elettricità da parchi solari ed eolici. Insieme a pannelli solari e impianti fai-da-te
2 minuti di lettura

Pannelli solari e sistemi eolici per tutti: sono oggetti che già oggi, in Svezia, sono acquistabili nei negozi Ikea, il più grande marchio di mobili in scatola di montaggio al mondo. Ma il vendor svedese va oltre, decidendo di fornire direttamente energia rinnovabile alle famiglie del Paese scandinavo, a partire da settembre.

Ma non basta: oltre ad avere una fornitura elettrica “green”, i cittadini svedesi che sceglieranno Ikea avranno anche prezzi più bassi rispetto alla media e potranno monitorare i loro consumi attraverso un’app dedicata. Inoltre, se acquisteranno anche i pannelli solari o gli impianti eolici della multinazionale svedese, potranno rivendere l’energia in eccesso prodotta. 

Svea Solar, che produce pannelli solari per Ikea, sarà il fornitore ufficiale, acquistando l’elettricità alla Borsa nordica Nord Pool e la rivenderà alle utenze domestiche svedesi senza imporre alcun sovrapprezzo. Le famiglie pagheranno un canone mensile fisso, più una quota a tasso variabile a seconda dei consumi. 

Ikea che - come detto - vende già anche pannelli solari per le famiglie in undici mercati, sostiene che gli acquirenti saranno in grado di monitorare la propria produzione nell'app e potranno rivendere l'elettricità in eccesso prodotta dagli impianti familiari.

Jonas Carlehed, responsabile della sostenibilità di Ikea Svezia, ha spiegato all’agenzia Reuters che il gruppo vuole lanciare la nuova offerta di energia rinnovabile e l'offerta di pannelli solari in tutti i mercati. "Vogliamo rendere l'elettricità da fonti sostenibili sempre più accessibile e alla portata di tutti", ha affermato la società in una nota. "L’azienda vuole diventare anche il più grande sistema di distribuzione di energia rinnovabile mettendo insieme il lavoro e la produzione delle imprese collegate, i clienti e i partner in tutto il mondo, con l’obiettivo di affrontare collettivamente il cambiamento climatico".

La multinazionale offrirà elettricità da parchi solari ed eolici che oggi hanno meno di cinque anni di esercizio, ma l’obiettivo è anche quello di incoraggiare la costruzione di più parchi in tutti i Paesi dove l’azienda opera. 

Più in generale, Ikea vuole dimostrare di avere un approccio positivo e attivo per il clima, riducendo le emissioni di gas serra di più di quanto non sia stato finora ottenuto dall'intera catena del sistema gestito dalla multinazionale, a partire dalla produzione delle materie prime fino allo smaltimento dei mobili da parte dei clienti: l’obiettivo è quello di raggiungere un incremento significativo e in qualche modo “definitivo” (zero emissioni) entro il 2030. La multinazionale svedese vede l'offerta di energia rinnovabile ai propri clienti come un contributo al raggiungimento di tale obiettivo, oltre a rappresentare, naturalmente, un potenziale nuovo flusso di entrate. Secondo Ikea, la vendita di energia rinnovabile si collega naturalmente all’uso dei suoi prodotti da parte dei clienti e che ora rappresenta circa il 20% dell'impronta climatica totale di Ikea, prodotta da elettrodomestici, illuminazione ed elettronica.