I lavori green

Con We Change anche il restauro diventa sostenibile

Un bando premia le migliori idee per il recupero di opere d’arte e di edifici oggetto di tutela. La gamma di progetti candidabili è ampia e possono partecipare singoli, associazioni e start up. C'è tempo fino al 24 settembre
1 minuti di lettura

Riciclo e restauro sono complementari, entrambi, infatti, sono modi virtuosi per utilizzare e valorizzare l’esistente senza consumare risorse. Ed entrambi rappresentano un'occasione per creare posti di lavoro nel rispetto dell’ambiente. Il bando We Change, inserito all'interno della XV edizione del Forum Compraverde Buygreen -  gli “stati generali” degli acquisti verdi -, nasce appunto per premiare le migliori idee per un restauro sostenibile di opere d’arte e di edifici oggetto di tutela. Inoltre, ha come scopo quello di contribuire ad ampliare l’offerta di soluzioni per la sostenibilità, in accordo con le recenti politiche sulla transizione ecologica.

È rivolto a singoli partecipanti, ma anche ad associazioni, gruppi di ricerca, team di aspiranti imprenditori, micro, piccole e medie imprese, start-up di ogni settore e nazionalità che non abbiano più di 36 mesi di vita alla data di scadenza del bando. Altrettanto ampia e versatile è la gamma dei progetti candidabili, dal trattamento e pulitura delle superfici alla disinfezione, alle tecnologie e i materiali utilizzati per consolidare edifici storici, dalle tecniche di recupero e riutilizzo dei materiali di costruzione alle soluzioni e tecniche di gestione delle macerie in territori sismici. L’essenziale è che abbiano un’idea di prodotto o servizio per il restauro sostenibile da sviluppare e da promuovere, oppure presentino un prodotto o un servizio già esistenti, ma il cui utilizzo sia stato ripensato e adattato in chiave ecologica e coerente con gli scopi del settore. La scadenza per presentare la domanda è il 24 settembre. Per iscriversi bisogna inviare all’indirizzo wechange@forumcompraverde.it, il kit di candidatura che si compone della domanda di partecipazione e di un video di presentazione della durata massima di 3 minuti, corredato, volendo, di un piano di fattibilità.

Il concorso, promosso dalla Fondazione Ecosistemi, è una delle iniziative cardine del Forum, che si terrà il 6-7-8 ottobre al palazzo WeGil di Roma e proporrà l’aggiornamento e le analisi dello stato dell’arte in materia di Green Public Procurement. Alcuni temi centrali della XV edizione saranno il Recovery Plan, la transizione giusta, la finanza sostenibile, i porti verdi, la gender equality e gli eventi culturali sostenibili. L’evento, spiegano gli organizzatori, intende facilitare l’incontro tra organizzazioni pubbliche e private che acquistano secondo una logica di sostenibilità, decisori pubblici e fornitori di beni e servizi con caratteristiche ambientali e sociali. Le soluzioni più innovative selezionate grazie al concorso, potranno partecipare alle pitching session, davanti a un pubblico di potenziali investitori, sviluppatori, partner e media We Change é curato in partnership con YOCOCU, Youth in Conservatipn of Cultural Heritage, e CNR-ISAC, Istituto di Scienze dell’Atmosfera e del Clima.